Satyricon

    in margine all’ultima “trovata” di Maurizio Cattelan, il cesso d’oro che presto campeggerà nei gabinetti del Guggenheim, pubblichiamo un sonetto, à la manière de Trilussa, scritto dall’artista e polemista Mathieu Vignon

    Er cesso der Drittone

    di Mathieu Vignon

    Certo che l’arte sta’ a finì a randazzo
    in ggiro se fanno solo opere der c….
    Se sei normale e pitti li colori cor pennello
    li critici te dicheno : an’vedi sto’ pporello!

    Oggi Morandi e de Chirico nun so’ più nnissuno
    se paragonati a Cattelan per corpa de quarcuno
    sì, quelo de li piccioni e li somari imbarsamati
    quello der Papa cor sercio tra li vetri frantumati
    che li venne a dollari veri a mijoni de mijoni
    a li musei e a li ricchi de la tera un po’ cojoni.

    Mo’ sè n’ventato, e tutti a osannarlo,
    un cesso d’oro vero e de piazzallo
    in un museo pronto all’occasione
    de un bisogno urgente, un cagatone.
    E dice che più lo usa der museo er visitatore
    più st’opera ggeniale acquisterà valore.

    Questo continua a fare in barile er tonno
    ggioca pijenno per il culo mezzo monno.
    Ma nun ve pare ora de mannallo tutti in coro
    dritto dritto a cagà sul suo ber cesso d’oro?