Flash news

Laboratorio Saccardi, una… pipì su Keith Haring a Pisa. Per ritrovare lo spirito del primo graffitismo

di Giuditta Elettra Lavinia Nidiaci. Pisa, metti una mattina d'estate come tante. Se vi fosse capitato di passare davanti alla facciata della chiesa di Sant’Antonio abate, dove nel 1989 un ancora semisconosciuto Keith Haring venne invitato a dipingere un enorme muro di 10 per 18 metri di lunghezza (oggi accuratamente conservato e riparato dalle intemperie e dalle tag con una robusta lamina di plexiglass), vi sareste potuti trovare di fronte a una scena quantomeno inconsueta. Quale? Quella di ... continua→

Finalmente libera Ahed Tamimi. E libero anche, dopo 24 ore, lo street artist Jorit che ne aveva dipinto il volto sul Muro della vergogna

È stata finalmente liberata Ahed Tamimi, la diciassettenne palestinese divenuta simbolo della resistenza palestinese contro l’occupazione Israeliana. La giovane attivista, che fin dalla più tenera età si batte per i diritti del suo popolo, era stata arrestata nel dicembre scorso fa per aver pubblicamente schiaffeggiato due soldati israeliani armati fino ai denti di “ronda” davanti alla porta della propria casa, e condannata da un tribunale israeliano a otto mesi di reclusione per ... continua→

Clapis, a Londra una scultura per riflettere sulle criptovalute

Cosa ha che spartire con il fenomeno delle criptovalute l’immagine di una donna incinta, con tanto di feto nella pancia il quale, anziché godersi il suo periodo di felice svagatezza prenatale, è già attaccato a un telefonino come un adolescente qualsiasi? Apparentemente poco, se non fosse per l’immaginazione di un artista italiano, Federico Clapis, con un passato da blogger di primo piano, con decine e decine di migliaia di visualizzazioni e di like sui suoi profili, che ha deciso di ... continua→

L’arte Japan Pop sbarca in Franciacorta. Con una Salomè gigante (e gonfiabile) di Tomoko

Il Pop giapponese sbarca in Franciacorta. E vede come protagonista Tomoko Nagao, con un’enorme scultura gonfiabile che riproduce le fattezze della sua “Salomè”, eroina dalla testa mozzata trasformata dalla creatività pop dell’artista in una testa di bambola in stile manga. Ma non mancano anche altri grande nomi contemporanei, a cominciare da Takashi Murakami, superstar del neopop giapponese e inventore dell’estetica Superflat, per continuare con Hiroyuki Takahashi e Hitomi Maehashi. ... continua→

Wiola, spunta un quadrato di vernice su Palazzo Marino e sul Pac. Per riaprire il dibattito sull’arte pubblica

Wiola torna a colpire. Il collettivo di attivisti che, dopo l’esperienza di “Occupy Pac” dell’anno passato (durante il quale un nutrito gruppo di artisti aveva simbolicamente e pacificamente occupato il Padiglione d’arte contemporanea di Milano per riportare a galla contraddizioni, ipocrisie e furbizie delle istituzioni sul tema dell’arte pubblica, della repressione al graffitismo illegale e dell’agibilità di spazi pubblici), oggi è tornato a far sentire la sua voce. Con una ... continua→

Se n’è andato Omar Ronda, artista, collezionista e instancabile agitatore culturale

Se n’è andato questa mattina Omar Ronda, artista, agitatore culturale e artistico, collezionista di altissimo livello, con opere che partivano dalla Pop Americana in avanti, e, in un lontano passato, anche mercante e gallerista, mestiere grazie al quale era entrato in contatto con artisti, dealer e curatori di tutto il mondo. Era stato l’inventore, il cuore e la mente del progetto Cracking Art, dal quale nel 2008 si era poi distaccato, per incomprensioni e divergenze con gli altri membri ... continua→

Big Laura Story

oggi sposi home

Matrimonio gay o tradizionale? Nessuno dei due. Un legame sui generis datato 1985

Quarta puntata con Big Laura Story. Fotoracconto di un decennio – i mitici anni Ottanta – riletto attraverso l’obiettivo di Antonio De Luca, artista e fotografo che in quegli quegli anni, a Milano, ha immortalato senza sosta eventi d’arte, di moda, di divertimento, notti sregolate e fuori dagli schemi. Protagonista e icona pop di quel pazzo pazzo decennio, Big Laura, indimenticata Pr di eventi e di memorabili feste della Milano by night, a metà strada tra musica, moda, arte, ... continua→

MEMORABILIA

di Duccio Trombadori

All’inizio degli anni Ottanta, dell’opera di Gino De Dominicis non sapevo granché. Avevo oltretutto avuto ben poche occasioni di frequentarlo. Mi era stato presentato casualmente nell’estate del 1972 in casa di Enrico Job... continua

Bello Figo, col suo libro “Swag Negro” si apre l’era delle nuove icone pop brutte, sporche e cattive

di Alessandro Riva

Bello Figo? Un’icona pop. Naturalmente, un pop nuovissimo, postcontemporaneo, destrutturato, remixato, fluido e difficilmente etichettabile, insomma un vero e proprio “Pop 3.0″. È questa, in poche parole, l’idea che sta alla base del libro-diario “Swag Negro”, appena uscito per Rizzoli e già stravenduto fin dalla […]

Proclamata l’indipendenza di una nuova Repubblica. Di Catalogna? Macchè: di Cardeña

-5

Un proclama pubblico, politico, rivoluzionario: con tanto di maschere, bizzarri scettri floreali e abiti folcloristico-tribali, per annunciare (“a cinquant’anni e un giorno dall’assassinio di Che Guevara in Bolivia, nostro fratello di sangue e nostro compagno d’avventure”), l’indipendenza e l’autonomia della loro “Repubblica”. Di chi parliamo, degli indipendentisti della Catalogna? No, della crew dell’artista […]

Desiderio, una cyber-colomba per la cover di Rock Targato Italia

Rock e arte contemporanea hanno una lunga storia di incroci e di collaborazioni: basti pensare alla storica copertina dei Velvet Underground con la banana disegnata da Andy Warhol nel 1967. Ma non c’è solo Warhol: dagli anni Sessanta a oggi, hanno “prestato” la loro creatività per copertine di dischi di gruppi rock artisti […]

SuperSanGennaro, Felipe Cardeña trasforma il patrono di Napoli. In un’icona pop

Il primo a parlarne è stato, ovviamente, il quotidiano più letto nel capoluogo campano, “Il Mattino” di Napoli. Che ha titolato: “San Gennaro-Superman, i disegni dell’artista misterioso invadono il Centro Storico”. L’artista misterioso è, naturalmente, Felipe Cardeña, sbarcato a Napoli per la mostra-happening “Memorie dal sottosuolo” nella straordinaria cornice della Napoli Sotterranea: dove […]

Targa Florio, dieci auto d’artista con Beuys, Dorfles, Paladino… E a Felipe Cardeña? La Safety Car

Cento anni. Tanti sono quelli che compie la Targa Florio, la corsa automobilistica più antica del mondo, nata a Palermo nel 1906. Oggi, a celebrarla è intervenuta anche l’arte contemporanea, con una mostra di auto decorate dagli artisti (intitolata 10%: 10 artisti per le 100 edizioni della Targa Florio), curata da Ludovico Gippetto, […]

Felipe Cardeña, una targa a Cuba per il “mimo giramondo”. La notizia in un blog latinoamericano

Il blogger cubano Yoyi Gorrin Acosta di fronte alla targa

Felipe Cardeña? Ha realmente vissuto e lavorato a L’Avana, dove, “in segreto e senza pubblicità”, ha realizzato “alcune delle sue opere più famose”. E una targa, spuntata sul muro di un antico palazzo de L’Avana Vecchia, il centro storico cittadino, sta lì a dimostrarlo. La scoperta viene direttamente dall’isola di Castro, che oggi […]

Felipe Cardeña, una tenda hippy per abbattere confini e differenze

Felipe Cardeña, The Temple of The Spirit (foto Ilenia Savegnago)

di Nadira Farah Yaseen

Un vero e proprio workshop durato diverse settimane, che ha visto la partecipazione di decine di studenti dell’Accademia di Venezia, intenti in un certosino, a tratti quasi ossessivo, lavoro di taglio e cucito, di discussioni e di ricerche “sul campo”, tra rigattieri, venditori di tessuti e […]

Felipe Cardeña, a hippie tent to break down boundaries and differences

di Nadira Farah Yaseen

A real workshop conducted over several weeks, which saw the participation of dozens of students from the Venice Academy, concentrating on a painstaking (and at times even almost obsessive) cutting-and-sewing work, which involved discussion and research “in the field”, among junk dealers, fabric retailers […]

Ipermodernità liquida. One: la nuova scena pop dalla street alla pittura superflat

CHAZ Bojorquez (Los Angeles 1949)

Si può ancora parlare di Graffitismo, di post-graffitismo, di street art? O ci troviamo ormai di fronte a un cambiamento radicale dello stesso concetto di arte (si tratti di arte urbana o meno), in un mescolamento di generi e di stili che mixa lo stile del graffitismo tradizionale con quello della street art […]

Me gusta Soñar. Desiderio sulle tracce di Felipe Cardeña. A zonzo per le strade de L’Avana

foto felipe in studio x sito_low

di Manuel de Varga

Finalmente on line il film che ricostruisce “la vera storia di Felipe Cardeña”. A partire dalla fine di gennaio 2014, infatti, la versione originale del cortometraggio “Me gusta Soñar, La verdadera historia de Felipe Cardeña”, girato a Cuba dall’artista e videomaker Desiderio nel 2012 e dedicato alla vita […]